Visualizza quotazioni aggiornate Spedizione Gratuita

Tartufo nero pregiato fresco

DisponibilitÓ: dal 15 novembre al 15 marzo

Il tartufo nero pregiato (Tuber melanosporum Vitt.) è così chiamato per il suo colore scuro che caratterizza sia la scorza sia la gleba interna, che si presenta con sfumature dal rosso molto scuro al bruno, ha un aspetto tondeggiante, verrucoso molto compatto e può raggiungere dimensioni notevoli se trova un terreno adatto alla sua crescita.

Il periodo di raccolta e commercializzazione del pregiato tartufo nero è fra l'inverno e la primavera dal 15 novembre al 15 marzo, è in questo periodo che i cavatori raccolgono i tartufi neri più aromatici e gustosi per ristoranti e gourmet di tutta Italia (ma le sue qualità sono apprezzate anche in Francia e in Spagna). Il tartufo nero pregiato sprigiona tutto il suo aroma a maturazione completa, quando la gleba interna si presenta con compatte striature bianche molto strette dall'aspetto marmorizzato e vivace.

In Abruzzo cresce in simbiosi con diverse tipologie di alberi, i più comuni dei quali sono la quercia roverella, il nocciolo e il carpino nero, di solito si trova soprattutto nelle piane o in alternativa in boschi situati in colline e piuttosto arieggiati, con le piante che crescono a distanza l'una dall'altra. Questo perché il tartufo nero pregiato necessita di luce e di un buon ricambio d'aria per crescere e diventare il prodotto di eccellenza tanto amato dagli chef per la preparazione di primi e secondi piatti raffinati e aromatici.

Il suo gusto non è forte come quello del tartufo bianco pregiato, ha delle note aromatiche che tendono al gusto dolce, per questo viene definito, dagli esperti e dagli amanti dell'eccellente fungo sotterraneo, tartufo nero dolce. Predilige le cotture brevi, per questo motivo è utilizzato prevalentemente spolverizzato sui piatti, che grazie al suo profumo particolare e al sapore eccellente diventano delle opere d'arte gastronomica dal gusto senza eguali.